SILHOUETTE e RAPPORTO VITA/FIANCHI nelle donne

Nella fitta nebulosa delle diete di tendenza, fatte di ricette preconfezionate, si parla di “adipe”, “calo della massa grassa” o tecnicismi ad effetto-specchietto come “lipolisi localizzata” puntando sempre il dito sul profilo estetico. 
Mai un riferimento, anche velato, al rapporto tra la salute e la localizzazione del grasso. 
Mai nessuno che metta per una volta da parte l’estetismo in nome del salutismo. 
Perché il grasso, quando si concentra all'altezza dei visceri, diventa un generoso produttore di molecole e ormoni infiammatori. Con una pessima ricaduta sulla salute del cuore e sulle aspettative di vita. 


L’uomo è tallonato da vicino da questa forma di ingrassamento (la “panza” sferica e rigida). 
Un fardello più facile da smaltire se sport e corretta alimentazione faranno capolino nella vita dell’interessato. 

Ma con un lato oscuro sul versante salutistico: l’indolente ostinazione a “salvaguardare” il grasso viscerale come un bene di famiglia ridurrà le aspettative di vita! 
Statisticamente, diabete e infarto avranno la precedenza rispetto ai normopeso. 


La donna è generalmente meno esposta a zavorrare la pancia di grasso. Filogeneticamente. 
E la salute ringrazia. 

Ringrazia anche la cellulite che si vede destinare gran parte delle riserve adipose che non coinvolgeranno (o quasi) l'addome. È l’ingrassamento tipico della cosiddetta DONNA A PERA. Un motivo ricorrente nel sembiante femminile. Quello incarnato in una sdutta silhouette sino all’ombelico per poi svasarsi come una gonna tra glutei e cosce. È la donna su cui gli effetti di allenamento e alimentazione procedono a piccoli passi e incontrano la pervicace ostilità della ciccia di cosce e glutei a cedere fette di territorio. 
Nella donna “a pera” il dimagrimento attaccherà per prime le zone già relativamente magre: tutto ciò che è sopraombelicale. Tuttavia anche questa diffusa tipologia femminile (più rare le donne che ingrassano tra lo sterno e l’addome) potrebbe ingrassare "zavorrando" la pancia e invertendo la rotta di uno schema orientato allo svaso sottombelicale. 

Una donna “a pera” che mostri questo segnale di inedito ingrassamento è probabile che:
  1. venga da 4-5 cicli di alimentazioni sbagliate
  2. sia molto stressata
  3. mangi davvero tanto
  4. un misto di queste variabili

Basta lo sguardo per verificare la funesta tendenza? 
Certo, ma meglio la verifica oggettiva con misurazioni della CIRCONFERENZA ADDOMINALE, IL RAPPORTO VITA/FIANCHI O IL RAPPORTO VITA/ALTEZZA. 




Rapporto vita/altezza negli uomini e nelle donne

Quando uno o più di questi valori e rapporti aumentano sarà utile mettere in primo piano la salute. Che si sta compromettendo. 
Allo specchio ci penseremo poi…

Nessun commento:

Posta un commento

"Un viaggio di mille miglia comincia sempre con un primo passo" - Lao Tzu -

NOVITA'

Se volete approfondire tutti gli argomenti sull'utilizzo pù efficace ed efficiente degli integratori, date un'occhiata al mio NUOVO BLOG: integratoriefficienti.blogspot.it