Alimentazione e DNA: I tuoi geni possono dirci molto su di te, molto di più di quanto non immagini!

Solo di recente, gli scienziati hanno scoperto il forte legame esistente tra il DNA e il modo in cui il nostro organismo risponde all'alimentazione e all'attività fisica

Ad esempio, per alcune persone è più indicato consumare meno carboidrati (Marti-a, 2002), mentre altre devono ridurre il consumo di grassi (Dworatzek, 2002). 

Anche l’attività fisica necessaria per perdere peso varia da persona a persona (Marti-b, 2002).

Entusiasmanti nuove scoperte nell'ambito della ricerca genetica ci hanno concesso di approfondire la conoscenza del modo in cui l’organismo gestisce la perdita del peso, soprattutto per quanto riguarda la rilevanza dell’alimentazione e dell’attività fisica sul peso corporeoMolti esperti hanno analizzato la letteratura scientifica più recente e hanno eseguito una selezione di geni dal Database della Mappa Genetica di Obesità (Rankinen, 2006). Hanno così individuato cinque variazioni genetiche su quattro geni e questa  combinazione di variazioni genetiche rispecchia l’attuale conoscenza scientifica nell'ambito della nutrigenetica


Informazioni generali sul Test Genetico e il ruolo della genetica rispetto a fattori ambientali, scelte di stile di vita e altro.

Che cos’è un gene?

Un gene è un segmento della molecola di DNA (acido desossiribonucleico) che contiene le informazioni su come, quando e dove il tuo organismo produce ciascuna delle svariate migliaia di proteine richieste per la vita. 

Ogni gene è costituito da combinazioni di quattro coppie di basi che compongono il tuo codice genetico. 


Queste sono:
  • Adenina
  • Timina
  • Citosina
  • Guanina
Il codice di ogni gene associa le “lettere” A, T, C e G in vari modi, componendo le “parole” che specificano quale aminoacido è necessario per ogni passaggio del processo volto alla produzione di proteine richieste dall'organismo per il suo sviluppo e funzionamento.

Che cosa sono le variazioni del gene?
A eccezione dei gemelli identici, tutte le persone hanno piccole differenze nelle informazioni contenute nel loro DNA; queste differenze rendono unico ognuno di noi.
Le variazioni del gene sono piccoli cambiamenti del codice genetico presenti almeno nell’1% della popolazione. Ad esempio, una “lettera” genetica (A, T, C o G) può essere sostituita da un’altra. Queste variazioni possono portare a processi diversi nell’organismo, così come il cambio di una semplice lettera in una parola può modificare interamente il suo significato; ad esempio da “c”avolo a “t”avolo.
Se la variazione interessa una sola lettera genetica, come nell’esempio di cavolo/tavolo di prima, gli scienziati la definiscono un “polimorfismo a singolo nucleotide” (o SNP, pronunciato “snip”).

Le variazioni di gene sono pericolose?
Le variazioni genetiche sono semplicemente le differenze di forme che hanno i geni presenti nel nostro organismo. Non devono essere considerate come un “bene”, un “male” o un “pericolo”.
Le variazioni genetiche sono piuttosto comuni negli individui sani e alcune di esse possono essere benefiche.
La maggior parte delle persone ha una o due caratteristiche genetiche di questo tipo. Tuttavia, identificando e analizzando il tuo modello unico di caratteristiche genetiche possiamo adattare la tua alimentazione e il tuo stile di vita in funzione delle tue esigenze specifiche e formulare un programma alimentare personalizzato.

Che cos'è la “NUTRIGENETICA”?

La nutrigenetica studia gli effetti delle nostre variazioni genetiche individuali in risposta alla nostra alimentazione e ad altre fonti di nutrienti.
Ci permette di capire a che punto ci troviamo nel nostro percorso verso l’elaborazione di un programma alimentare e di esercizi per ottenere il peso ottimale.
La nutrigenetica non fornisce informazioni mediche o sui rischi alla salute.
Lo scopo della nutrigenetica è di tipo educativo e i suoi test genetici sono classificati come test genetici sullo stile di vita.

Come può un test genetico suggerire la dieta giusta per me?

Per poter iniziare ad allineare le nostre scelte alimentari e legate allo stile di vita alle nostre variazioni genetiche, dobbiamo prima sapere quali variazioni abbiamo. Sembra che alcune variazioni aumentino la difficoltà di raggiungere e conservare un peso salutare. Possiamo spiegare il contesto della struttura genetica e della conseguenza metabolica ricorrendo all'esempio del gene della proteina 2 legante acidi grassi intestinali (FABP2): gli scienziati hanno scoperto che gli individui che hanno la variante Thr54 del gene FABP2 tendono ad assorbire più grassi dalla loro alimentazione e quindi tendono ad avere un indice di massa corporea maggiore rispetto a chi non ha questa variante. 
È probabile che questi soggetti scopriranno che una dieta povera di grassi li aiuterà a mantenere un peso salutare.


Prendendo in considerazione la conseguenza metabolica di tutte e cinque le varianti genetiche, la loro frequenza all'interno dei geni umani e i loro diversi effetti sul metabolismo umano, gli scienziati hanno sviluppato un metodo per strutturare un piano alimentare (e di allenamento)  a partire dalla tua struttura genetica.

Informazioni specifiche sul Test Genetico

I geni sono stati selezionati dal Database della Mappa Genetica di Obesità, sulla base di un’ampia analisi della letteratura scientifica esistente e ricorrendo a rigorosi criteri di selezione applicati da un team di esperti di genetica, nutrizione, controllo dell’obesità e del peso. Il team di esperti ha analizzato solo quelle variazioni genetiche associate al peso corporeo, all’indice di massa corporea o al grasso corporeo e che fossero state replicate in almeno tre studi clinici. Questa analisi ha dimostrato che questi geni rispondevano ad altri criteri quali, ad esempio, una comprovata funzione biologica, il loro possibile ruolo biologico nel controllo del peso e la confutazione di studi clinici.
Solo cinque variazioni genetiche rispondevano a tutti i criteri:

  • Proteina 2 legante acidi grassi (FABP2) Ala54Thr (rs1799883)
  • Peroxisome Proliferator-activated Receptor-gamma (PPARG o PPARγ) Pro12Ala (rs1801282)
  • Recettore adrenergico Beta 2 (ADRB2) Arg 16Gly (rs1042713)
  • Recettore adrenergico Beta 2 (ADRB2) Gln27Glu (rs1042714)
  • Recettore adrenergico Beta 3 (ADRB3) Arg64Trp (rs4994)

Questa combinazione di variazioni genetiche rispecchia l’attuale conoscenza scientifica in ambito di neurogenetica. Palesemente,  questo ambito la scienza è in rapida evoluzione, motivo per cui va analizzata costantemente la letteratura scientifica inerente le variazioni genetiche connesse al controllo del peso, alle intolleranze alimentari, al mantenimento di un buon stato di salute, ecc. 


BIBLIOGRAFIA

Rankinen, Zuberi, Chagnon, Weisnagel, Argyropoulos, Walts, Pèrusse, Bouchard, 2006: The human obesity gene map: the 2005 update. Obesity (2006) 14:529-644 

Dworatzek. (2002). Associations between metabolic phenotypes vary with the codon 54 polymorphism of fatty acid binding protein 2 gene. Can J Diabetes, 349-355. 

Marti-a. (2002). CHO intake alters obesity risk associated with Pro12Ala polymorphism of PPARgamma gene. J Physiol Biochem, 219-220. 

Marti-b. (2002). Trp64Arg polymorphism of the beta3 adrenergic receptor gene and obesity risk: effect modification by a sedentary lifestyle. Diabetes, Obesity and Metabolism, 428-430.

Rankinen. (2006). The human obesity gene map: the 2005 update. Obesity, 14, 529-644. 

FONTE:


CONTATTATEMI PER MAGGIORI INFORMAZIONI  E SE SIETE INTERESSATI AD EFFETTUARE IL TEST.

Nessun commento:

Posta un commento

"Un viaggio di mille miglia comincia sempre con un primo passo" - Lao Tzu -

NOVITA'

Se volete approfondire tutti gli argomenti sull'utilizzo pù efficace ed efficiente degli integratori, date un'occhiata al mio NUOVO BLOG: integratoriefficienti.blogspot.it